Categories: News ed Eventi
Condividi questo articolo

Esibizione dei neodiplomati in Direzione d’orchestra dell’Accademia triennale del Maestro Donato Renzetti

Sabato 30 novembre 2019
Ore 21
Cinema Teatro Magda Olivero, Saluzzo

A conclusione del primo anno di svolgimento del corso di Direzione d’orchestra si svolgerà sabato 30 novembre il concerto degli allievi che nell’anno 2019 hanno frequentato questo percorso didattico guidati dal maestro Donato Renzetti.
Il capitolo delll’Accademia di direzione d’orchestra, nell’ambito del progetto orchestrale Obiettivo Orchestra con Filarmonica Teatro Regio di Torino, è iniziato nello scorso marzo e vi hanno preso parte 26 allievi provenienti dall’Italia, dalla Svizzera, dalla Gran Bretagna, dalla Cina, dalla Spagna.
I sei incontri svolti durante il 2019 hanno visto i 26 giovani aspiranti direttori d’orchestra avvicendarsi sul palco del Cinema Teatro Magda Olivero alla direzione di un apposito organico orchestrale composto principalmente dagli allievi del corso di formazione orchestrale.
Il lavoro del Maestro Renzetti, durante il percorso, è stato quello di affrontare gli aspetti tecnici e interpretativi più complessi che caratterizzano il ruolo del direttore d’orchestra, con l’ausilio di differenti organici orchestrali e brani del repertorio classico molto specifici e finalizzati appunto alla comprensione di tali aspetti.

L’organico orchestrale di Obiettivo Orchestra di sabato 30 novembre sarà diretto dai giovani allievi con un programma che spazierà dalle arie d’Opera alla Sinfonia n.9 in mi min. op.95 “Dal Nuovo Mondo” di A.Dvorak.

Il progetto proseguirà nel prossimo anno con le nuove selezioni di marzo 2020 per i nuovi candidati e con la continuazione del percorso per i 26 allievi.

Il concerto è a ingresso libero.

Obiettivo Orchestra e l’Accademia Direzione d’Orchestra sono progetti comuni di Filarmonica TRT e Scuola APM e sono realizzati grazie al sostegno principalmente della Regione Piemonte, del Comune di Saluzzo, delle fondazioni bancarie CRT,CRC,CRSaluzzo e dalla Fondazione Zegna.