Categories: News ed Eventi
Condividi questo articolo

Quinto Arto, Il Canto Ritmico nella batteria. Masterclass con Fausto Craparotta

Sabato 23 febbraio, Scuola APM – dalle 11.30 alle 13.30

Nell’aula Donizzetti della Scuola APM verrà presentato il libro “Quinto Arto, Il Canto Ritmico nella batteria”.
Un metodo che aiuta a sviluppare l’indipendenza, il sincrono e la coordinazione sullo strumento, ma soprattutto aiuta a migliorare il proprio drumming rendendolo più fluido e armonioso attraverso il canto delle suddivisioni.
Una metodologia di studio che il batterista siciliano Fausto Craparotta ha affrontato con Chris Coleman nelle lezioni tenute con lui al Collective School of Music di New York.
Il libro, che vede la partecipazione dei grandi batteristi italiani Lele Melotti e Maxx Furian, verrà presentato agli allievi della classe di batteria della Scuola APM e a tutti i batteristi che vogliano approfondire questo metodo.

Fausto Craparotta ha studiato Percussioni Classiche al Conservatorio di Trapani e Canto al teatro Massimo di Palermo.
Consegue la laurea al Conservatorio di Cuneo sotto la guida del Maestro Melotti.
Si trasferisce a New York nel settembre del 2015 frequentando il ” Collective School of Music ” studiando con Chris Coleman, Kim Plainfield e Peter Szendofi.

Dicono del libro:

Lele Melotti

Un libro tecnicamente molto avanzato che abbraccia diversi stili musicali, dove gli esercizi ti permettono di sviluppare l’indipendenza, il sincrono e la coordinazione sullo strumento.

Maxx Furian

Il Compito di Craparotta non è stato semplice, perchè sono stati scritti diversi libri su come avvicinarsi e suonare la batteria; ma la sua esperienza e il suo entusiasmo lo hanno portato a elaborare una metodologia già conosciuta, ampliandola e facendola diventare una novità dove il Quinto Arto, appunto la voce, è il pilastro portante.
Un bel metodo dove gli esercizi creano delle poliritmie sviluppando la coordinazione e l’indipendenza, ma soprattutto un metodo fresco e innovativo sia per principianti che per professionisti.